10.06.2021 /

Tembo a supporto dell’importante processo di digitalizzazione dei Musei Reali di Torino

L’agenzia torinese accetta la sfida di modernizzare un’istituzione che affonda le sue radici nelle antiche tradizioni del patrimonio culturale italiano.

 

Oltre 3 km di passeggiata museale estesi su 30 mila metri quadrati di spazi espositivi circondati da 7 ettari di giardini con testimonianze e reperti che datano dalla Preistoria sino all’età moderna: questo è tutto il potenziale dei Musei Reali di Torino, uno dei complessi museali più estesi e variegati d’Europa, che non ha nulla da invidiare rispetto alle maggiori residenze reali europee.

Nell’ambito del bando SWITCH_Strategie e strumenti per la digital transformation nella cultura con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo, i Musei Reali hanno avviato un imponente piano di innovazione e trasformazione digitale che porterà nei prossimi anni a corposi cambiamenti per il pubblico e per lo staff interno.

Tembo è stata scelta come partner strategico per accompagnare il cliente in questo processo assai complesso: obiettivo a lungo termine dei Musei Reali è infatti la promozione dei propri spazi come grande complesso culturale omogeneo, in grado di accogliere un pubblico più vasto e variegato, presentandosi come luogo di studio, di educazione e di ricerca, ma anche come ambiente socialmente significativo per accompagnare momenti di vita, di rigenerazione spirituale e di svago. 

“Il contributo operativo di Tembo consisterà nel supportare Musei Reali al raggiungimento dei propri obiettivi di digital strategy, seguendo un metodo preciso e consolidato. - spiega Alessandro Scali, Direttore Creativo Tembo - Prendendo le mosse da una prima fase analitica di canali e target di riferimento infatti, passeremo poi alla redazione di un piano di comunicazione strategica digitale, formando e affiancando il team interno al cliente dall’inizio, sino alla fase operativa.”

Il percorso di rigenerazione che coinvolge l'istituzione museale torinese si inserisce all’interno di un piano più ampio di capacity building che risulta del tutto rivoluzionario per un ente pubblico. 

“L’emergenza sanitaria che abbiamo vissuto nell’ultimo anno ha evidenziato la necessità, per le istituzioni museali, di avviare un processo di digitalizzazione. - dichiara Enrica Pagella, Direttrice dei Musei Reali di Torino - Per i Musei Reali, questo si traduce in un’offerta più ampia e coinvolgente, in grado di soddisfare i diversi pubblici che visitano i nostri spazi, rendendoli maggiormente accessibili e in grado di moltiplicare le opportunità di conoscenza e di esperienza.”